WEB-DONNA.IT
Google
Web
Nel Sito
Cerca nel sito  

Titolo
Angelamaria (16)
Attualità (137)
Cucina (64)
Cucina: indici (9)
Editoriale (5)
Fiabe-altro (25)
Il cassetto ... (8)
Londra-news (28)
Oroscopo (1)
Pensieri (49)
Pensieri i (1)
Ridiamoci-addosso (33)
Salute . Guarire (1)
Salute . Nuove malattie da inquinamento (13)
web-Archivio (37)

Gli Articoli più letti

Titolo
Foto-attuali (21)
Foto-di-epoca (20)
Souvenirs (13)

Le foto più viste

Titolo
Prosa e poesia del web

Affitto e vendita case

Titolo
Autori
Copyright


Storico per mese:


Agosto 2004
Settembre 2004
Ottobre 2004
Novembre 2004
Dicembre 2004
Gennaio 2005
Febbraio 2005
Marzo 2005
Aprile 2005
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
\\ Home Page : Articolo WEB-DONNA.IT - Angela Bonora: Universo maschile e Universo femminile. 2

Universo maschile e Universo femminile. 2

Di Angela Bonora (del 24/02/2006 @ 18:46:07, in Attualità, linkato 3935 volte)

(continua)

I Fidanzatini di Peynet

Mi sono messa in un bel pasticcio a voler parlare dei due universi, maschile e femminile, e a volerci inserire per prima la vita di una casalinga piena di lavoro e con figli e marito sedentari.

Continuiamo, comunque ora, sulla falsariga di una donna che non è casalinga…si fa per dire.
Se permettete parlo sempre in prima persona, mi risulta più facile.

Famiglia sempre di quattro persone, padre, impiegato e…, madre, impiegata e…., due figli in età scolare….si vogliono tutti bene.
La mattina non si discosta molto dalla mattina della famiglia precedente:
- bagno libero per favoreeeeee!
ma davanti al bagno e con un orario da rispettare sono in quattro….
la madre casalinga si può fare la doccia durante il giorno, se esce un po’ sporchina nessuno se ne accorge…
la madre impiegata deve essere di tutto punto pulita, truccata, vestita e questo per tutto il giorno o almeno sino alle due se è impiegata in una amministrazione pubblica o part time, lo stesso il padre .
Dei due marmocchi non se ne parla: loro sono velocissimi, ma sia padre che madre fanno sempre una ripassata ai pargoli prima di uscire.
Questo non succede più in casa nostra i ragazzini sono abbastanza cresciuti da sapere che ci si lava al mattino e alla sera.
Normalmente i quattro orari ( chissà perché ?) coincidono e madre e padre si alternano ad uscire per primi a depositare i figli a scuola dove rimangono anche per il pasto ed il doposcuola.
- Ragazzini presto. E’ ora di uscire
- Debbo lavarmi i denti
- Finisco di fare il letto
- Tu Davide riponi la tua biancheria sporca in bagno, dove deve andare. Questa camera …ne dobbiamo riparlare…a questa sera
- Si papà. Mamma che cosa preparate da cena?
- Non ci ho ancora pensato. Forse pizza…

E’ tutta una gran corsa al mattino, dalle sei e mezza alle otto meno un quarto.
Colazione a buffet. Il buffet è stato preparato dai primi che si sono alzati, generalmente la sottoscritta ed il gentil consorte.
Perché a buffet? Sul bancone di cucina sono disposti i cereali, il latte caldo e freddo, la caffettiera con caffè caldo, la teiera con…, succhi di frutta, yogurt, formaggio, prosciutto, formaggio ed ovviamente panini e fette di pane tostato.
La colazione così preparata fu una geniale trovata di noi due adulti, quando ci accorgemmo che diventava difficile fare una colazione decente e prepararla anche per i marmocchi.
Dare a loro la possibilità di scegliere era più semplice e produttivo.
Ce ne accorgemmo la prima volta che andammo tutti e quattro in albergo: i ragazzini erano eccitati dal fatto di poter scegliere da un tavolo colmo di cose buone e mangiavano a sazietà e meglio.
Rimane comunque la parola d’ordine: “chi sporca lava o meglio riordina” , così alla fine della colazione piatti, tazze, bicchieri vanno in lavastoviglie e il cibo rimanente dentro al frigo.
E’ un po’ un metodo militaresco, ma serve e d’altra parte una colazione sostanziosa aiuta nella giornata.

Questa mattina sta a me portare i ragazzini a scuola, carico armi e bagagli, si fa per dire, sull’auto e vado a scaricare il dovuto a scuola
- Ci vediamo alle quattro, mi raccomando fate i bravi che a fine settimana vado dai professori per l’incontro mensile…
Sono le otto e venti, mi rimangono ancora circa venti minuti buoni.
Entro nel supermercato vicino alla scuola e velocemente raccolgo nel carrello le cose che servono in casa per la giornata. La spesa grossa la facciamo mensilmente tramite internet e ci viene portata a casa il sabato mattina.
Parto di nuovo e vado in ufficio.
Sino alle cinque non ho altro da pensare che a pratiche assicurative, conteggi particolarissimi, a calmare persone che hanno subito furti, incendi ed altri incidenti vari.

Sono nel ramo danni e a disposizione dei nostri clienti che ne hanno subiti. Si parla di valutazioni, rimborsi…
- Mi scusi, ma prima mi aveva detto che dentro alla borsa che le hanno sottratto aveva documenti e cento euro, ora mi dice duecento…e poi sulla denuncia ai carabinieri è scritto cento.
- Ma non ricordo bene, saranno stati centocinquanta in tutto
Eh, eh qui si gioca al rialzo? o veramente ne aveva duecento o non si ricorda e poi nella borsa avrà avuto anche qualche altra cosa
- Signora Marisa vuol venire qui nel mio studio un momento?
E’ il capo ufficio, quando ti chiama nella sua tana butta male:
- Scusi signora, ma non si è accorta che la donna che ha davanti è venuta anche tre mesi fa a denunciare un furto?
- Mi pareva di averla già vista, ma la polizza ha un numero diverso
- Avrà due contratti
- Non le converrebbe avere due contratti per assicurare cifre così piccole
- Beh, vedremo, segni tutto, mi raccomando. A me i furbi non mi piacciono
Invece a me non piacciono i diffidenti per partito preso, ma non posso dirlo…Possibile che tutti i danneggiati che hanno un contratto con la nostra Società siano dei profittatori?

A mezzogiorno e mezzo al momento della pausa, si avvicina il ragioniere del secondo piano, raggiante…
E’ con noi da due anni ed è rimasto sempre nell’ufficio con me. 
Gli ho insegnato tante cose, praticamente l’andamento dell’azienda e come procedere con le pratiche da evadere con i clienti.
Oggi sembra sia sceso non dal secondo piano, dove l’hanno trasferito da una settimana, ma dal settimo cielo; si avvicina al mio tavolo
- Posso sedere con te
- Si mi fai piacere - Debbo dirti una cosa importante. Il ragioniere anziano si è dimesso anticipatamente, mi hanno trasferito al suo posto e con il suo grado
- Ah, si? Complimenti!
- Non sembri molto contenta!
- Ma che dici? Anzi…dobbiamo andare, è ora di aprire gli sportelli.
- Ciao, io mi faccio un caffè, non sono più allo sportello.

Porco qui,…porco là…la solita donna fregata, tanti anni di onorato lavoro e adesso questo bimbetto mi acciuffa la promozione.

Il capo mi chiama di nuovo in ufficio:
- Scusi signora, ma volevo parlare con lei della promozione del ragionier Rossi. Si segga prego. Volevo spiegarle, anzi glielo devo… Dobbiamo ringraziare soprattutto lei se Rossi è diventato un elemento indispensabile dell’azienda. A dire il vero la promozione l’avremmo dovuta dare a lei, ma sa in certi casi è meglio un uomo anche se giovane e poi ha famiglia, la moglie non lavora, ha due bimbi
(i miei chissà come sono cresciuti senza la mamma…? è sempre stato un cruccio, anzi un’amarezza, un senso di colpa per me non potere seguire direttamente i miei figli).
E prosegue
-...poi con una donna in una posizione di responsabilità c’è sempre il rischio che rimanga a casa in maternità o per altri disturbi mensili o per le malattie dei figli. Lei sa…

So che sei il solito capo ipocrita ecccc eccc eccc.

- Lei è padronissimo di promuovere qualunque impiegato io prepari per l’azienda, comunque per sua informazione i miei figli sono già grandi ed autosufficienti, ho un marito che può impegnarsi con loro, ed io sono in menopausa anticipata per troppo stress… Arrivederci ragioniere, buona serata.
- Ma Marisa non la prenda così. Non pensavo fosse così permalosa.
- No, no,non sono permalosa, ma per chiarire le cose, una volta per tutte, per lei non sono Marisa, ma la dottoressa Bianchi, tecnico attuario, iscritta all’Albo degli Attuari, personaggio di cui non può fare a meno nella sua azienda…per costruire le tariffe personalizzate dei contratti.

E me ne sono andata, mi era venuta la voglia di dare le dimissioni, ma chi prende a lavorare una donna quasi cinquantenne anche con la mia esperienza…a ventiquattro anni laurea, due anni di specializzazione, sei anni di praticantato alle Generali a Trieste e poi ritorno nella mia città per sposarmi, due bambini e adesso questo schiaffo.

Alla sera al ritorno sono furiosa.
Alle sei Mario rientra ascolta pazientemente e cerca di calmarmi, ma sa anche lui che ho ragione da vendere.
In banca da lui succede sempre lo stesso e poi ci sono quelli che fanno carriere per raccomandazione ricevuta (stavo per scrivere “grazia ricevuta”) dal partito, dalla parrocchia, dall’amico influente ecc. ed i fessi come noi pestano inutilmente il gradino della scala in salita.

Mario si è messo a preparare la cena, io stiro (bisogna che insegni ai ragazzi a stirare), e preparo un’altra lavatrice.
I ragazzi, terminati i compiti, escono per un’oretta con gli amici.
Ci ritroviamo tutti all’ora di cena: i ragazzi preparano la tavola .
Dopo, televisione con calze da rammendare, bilanci da riguardare per Mario, guarda la televisione tra una “attività” e una “passività” di un cliente…

Poi arriva il fine settimana: dovremmo riposare un po’ noi due impiegati-casalinghi, ma bisogna portare i ragazzini dai nonni, mica vengono loro!
- Sai durante la settimana abbiamo da guardare i bambini della Carlotta (mia sorella) e a fine settimana ci riposiamo.
Hanno ragione, non sono più giovani e con quei due diavoli dei miei nipoti che, con una mamma solo casalinga, si fanno portare anche un bicchiere d’acqua alla bella età di tredici e dieci anni.

La domenica la passiamo con una coppia di amici, spesso vengono loro in casa nostra perché io ho sempre cose arretrate da fare.
La mia amica (?) - Tu sì che sei fortunata. Una laurea, buon lavoro, invece io sempre in casa. Devi lavorare molto, ma sei a contatto con la gente…

Ma a lei chi impedisce di avere contatti, ma che vada in parrocchia! al cinema con le amiche! si trovi un amante ! ha due figli già maggiorenni.

- Perché non frequenti l’università adesso che hai tempo e non ti prendi una laurea? Oppure fai un corso d’arte? Oppure fai volontariato con i bisognosi?
- Dici bene tu, ma la casa, i figli, il marito, non ho poi tanto tempo. Mi piacerebbe, ma alla mia età, sai ho già passato i quaranta.

Bella, da quanti lustri? Non eravamo alle elementari insieme?

Mario passa dietro alla mia seggiola e mi accarezza il capo,…ha sentito,…ha capito, ma sa anche che io non farei mai cambio con quella casalinga con colf a servirla….

Forse ho capito perché la vita della casalinga non è poi così soddisfacente….

 

PS. di Mario e Marisa
da quello che abbiamo detto sembra che in casa nostra non si facciano tutte le pulizie che si fanno nelle case delle casalinghe.
Non ne abbiamo parlato perchè sono lavori normali, ma se credete che questi lavori non vengano fatti....venite a trovarci e poi vi insegnamo il nosro super metodo di chi ha poco tempo e la collaborazione famigliare che esiste da noi...



Articolo Articolo  Storico Storico Stampa Stampa
© Copyright 2004-2015 - Tutti i diritti sono riservati.                                                                Io uso dBlog 1.4 ® Open Source
PRIVACY POLICY