\\ Home Page : Articolo : Stampa

Preparando il Natale...

Di Gabry C (del 02/12/2006 @ 15:57:53, in Attualità, linkato 6342 volte)


Buone Feste


Meno 25… manca meno di un mese al Natale e si comincia ad organizzare gli addobbi e i menu delle Feste.
Primo passo: mettere “a fuoco” la situazione.
Secondo: procurarsi per tempo l’occorrente.
Infine: eseguire. 

Prendiamo gli addobbi...

Nelle case si porta avanti la tradizione dell’albero di Natale. Abeti veri o sintetici di svariate misure che vengono addobbati secondo il gusto personale. Si va dalle decorazioni tradizionali: luci, sfere colorate e festoni, a quelle monocromatiche, oppure con bamboline di pezza ed ancora: frutta secca, dolciumi, fette di arancio essiccate...
Il giorno classico per addobbare l’albero è il 24 dicembre, Vigilia di Natale, spesso, però, si prepara con largo anticipo per creare l’atmosfera natalizia e così che l’arrivo dei regali non ci trovi impreparati… (li mettiamo sotto l’albero!)

Alla porta di casa, si appendono ghirlande di rami verdi intrecciati e decorati. Per praticità si possono utilizzare ghirlande “finte”, ma di certo non sono suggestive come le altre.

Un’idea veloce?

Procurarsi un bel ramo di pino argentato (si può prendere in giardino o dal fiorista), vanno bene anche rami di altro genere bacche comprese. Legare un nastro colorato all'estremità superiore del ramo, questo ci servirà per appenderlo alla porta, ora fissare le decorazioni ai vari rametti con filo di ferro sottile, nastrini o colla. Si possono usare pigne e frutta secca, anche argentate o dorate con appositi spray, oppure addobbi natalizi e fiocchetti, seguendo la propria fantasia.

Sicuramente importante per completare gli addobbi è la preparazione della tavola di Natale, che io preferisco molto colorata. A questo proposito elenco alcuni esempi dove prendere spunto.


Tavola n°1: 

- Tovaglia rossa e tovaglioli uguali
- piatti di porcellana bianchi
- sottopiatti di colore verde
- bicchieri di cristallo a calice
- posate d’argento o argentate
- centrotavola floreale
- nastri dorati
- un nastro rosso

Tovaglioli: piegarli in quattro parti, a quadrato, poi ripiegarli ulteriormente “a fisarmonica”, partendo dalla diagonale del quadrato, infine legarli al centro con il nastro dorato formando un bel fiocco e inserirvi un rametto di agrifoglio con le bacche rosse, un fiore rosso oppure bianco, a piacere.

Centrotavola: in una ciotola bianca inserire una mattonella di spugna per fiori freschi, si trova dal fiorista. Prima, però, occorre bagnarla, quindi riempire un recipiente d’acqua, posare la spugna su di essa e lasciarla assorbire spontaneamente per almeno mezz’ora.
Disporre la spugna inzuppata nella ciotola dopo averne arrotondato gli spigoli (deve essere più alta del bordo della ciotola in modo da poter inserire i gambi sia sopra sia di lato), fissarla con dei tasselli ricavati dalla spugna stessa o con materiali vari (sassi, biglie, ecc.), deve rimanere lo spazio per aggiungere acqua.
A questo punto inserire uno per volta, fiori bianchi, rami verdi ed anche alcuni con bacche rosse, inoltre aggiungere rametti secchi dorati (è consigliabile rinforzare con il filo di ferro gli steli più delicati, il fiorista può indicare come). Completare con un bel fiocco rosso.
In alternativa, si possono utilizzare esclusivamente fiori e rami secchi (inseriti nella spugna per fiori secchi), ma sempre mantenendo le stesse tonalità.
Posare il centrotavola sul sottopiatto verde.



Tavola n°2:
 
- Tovaglia blu e tovaglioli uguali
- piatti e sottopiatti di colore giallo ocra
  (dorato)
- bicchieri a calice possibilmente 
  sfumati colore argento
- posate d’argento o argentate
- centrotavola con candele e fiori
- nastri argento

Tovaglioli: piegarli allo stesso modo di cui sopra. Legarli, questa volta, con il nastro argento.
Nel fiocco inserire un rametto dorato.

Per formare il centrotavola: posare su di una base blu (meglio se a scomparsa), una grossa candela di colore argento ed una più piccola dorata. Aggiungere intorno alle candele alcuni fiori blu, bianchi e qualche rametto verde (se i fiori sono freschi usare le fialette per l’acqua), se occorre, nascondere fialette e gambi con nastrini argentati.


Tavola n°3:
  

- Tovaglia rossa e tovaglioli uguali
- Piatti e sottopiatti di porcellana bianchi
- bicchieri di cristallo a calice
- posate possibilmente d’argento o
  argentate
- centrotavola con candele galleggianti

Piegare i tovaglioli a rettangolo e porli sopra ai piatti.
Posare su ciascun tovagliolo un fiore bianco al quale avrete applicato un nastrino di raso rosso.

Per il centrotavola: occorre una ciotola di cristallo piuttosto larga, l’ideale è una “alzata” (portadolci ad uno o più piani), sempre in cristallo.
Versare dell’acqua nell’alzata e aggiungere alcune candele galleggianti. Quando saranno accese, il cristallo regalerà suggestivi riflessi (ve l’assicuro: l’effetto sarà decisamente superiore a quello della bozza…).

A scelta, questo centrotavola si può sostituire con una composizione di rose bianche, utilizzando il metodo spiegato sopra (tavola n°1), magari inserendo la ciotola con la composizione dentro l’alzata, sempre che le dimensioni di entrambe siano compatibili e che sia possibile nascondere con i fiori ciò che non è opportuno vedere.

                                             

 

 

 

 


© Copyright 2004-2015 - Tutti i diritti sono riservati.                                                                Io uso dBlog 1.4 ® Open Source
PRIVACY POLICY